il cigno nero

Il Cigno Nero: la Grande Rinuncia di una Popolazione ed il suo futuro

Non era previsto, ma avvistiamo il cigno nero nelle fattezze di un’emergenza sanitaria gravissima che sconvolge le nostre Vite. Il termine “cigno nero”, secondo la definizione del filosofo Nassim Taleb, indica un fatto impossibile o perlomeno improbabile; si basa sulla presunzione che tutti i cigni siano bianchi. Nel saggio omonimo, Taleb descrive come tentare di arginare gli effetti negativi dei cosiddetti “cigni neri” e trarne anche la parte positiva.

Che cosa di positivo potremmo trarre da un evento così difficile, lungo e doloroso?

Siamo soggetti a misure restrittive, di isolamento e di controllo individuale, così come previsto nella nostra legislazione in caso di malattie gravi trasmissibili; ma in questo caso le misure sono estese a tutto il territorio nazionale e tutta la popolazione italiana. Lo scopo è uno solo; che il danno cagionato o subìto alla propria salute non produca danno alla salute degli altri. E da questo deriva il corollario che la tutela della salute collettiva è esigenza prevalente sull’esercizio dei diritti costituzionali.

La popolazione d’Italia è stata chiamata alla Rinuncia per proteggere il Bene Superiore della Vita di ognuno di noi. Abbiamo rinunciato al diritto di libera circolazione, al diritto di riunione di qualsiasi natura (per fini politici, religiosi, artistici, e spontanei come le allegre serate in compagnia degli Amici). Non possiamo confortare né salutare i nostri cari che, soli, raggiungono la terra che siede “all’ombra dei cipressi”, laddove “anche la Speranza fugge”. Ci addentriamo in una crisi economica e finanziaria che potrebbe rivelarsi molto più preoccupante di quanto prevedibile.

Quale effetto può attraversare le nostre Vite in questi giorni ed imprimere su di noi un segno positivo? Il primo che mi sovviene è la riconoscenza alla solidarietà della maggioranza della popolazione italiana pronta a porgere aiuto “negli alterni perigli e nelle angosce della guerra comune”. Il secondo è “l’eredità di affetti” dei nostri cari che, senza rumore, quasi chiedendo scusa per l’arrecato disagio alla sanità pubblica, ci hanno lasciato l’ultimo insegnamento di Vita, loro che sono cresciuti nella considerazione che Nulla è dovuto. Il terzo è, in forma di augurio, l’effetto sulla nostra formazione culturale, sia individuale che sociale, a causa e motivo della sofferenza e preoccupazione che questo gravissimo evento sta generando in ognuno di noi. E forse sarà questo effetto a creare il processo di risveglio interiore di una popolazione nel divenire cosciente che non siano le circostanze esterne a decidere sul futuro di un Paese, ma la programmazione lato sensu, l’equilibrio e la sicurezza sociale, la valorizzazione del merito e della competenza, e l’abbattimento delle ipocrisie istituzionali, che sono gli unici elementi per un “ordinato progresso della società nazionale” da affrontare senza Paura e Presunzione, suoi peggiori nemici.

A coloro che con ostinazione e superbia rimangono fermi nel credere di sapere che cosa sia giusto e sbagliato, giudicando eventi, persone ed azioni con spiegazioni semplicistiche e fuorvianti, presento il pensiero di Taleb, per cui la proposizione “sappiamo”, in molti casi, è un’illusione, apparentemente necessaria, della mente umana, ma non sempre ha una base solida per sostenere questo “delirio di conoscenza”. Più umilmente il metodo socratico di interrogativo e confessione di ignoranza mi appare l’unico approccio per Vivere con serenità e per programmare il futuro: “io so di non sapere”. Da un simile approccio di umiltà, un Paese che sia in grado di promuovere una politica economica di investimenti e modernizzazione per risolvere gli squilibri atavici e che sia capace di costruire una via di più razionale impiego del reddito pubblico, potrà migliorare la qualità di Vita della Popolazione accompagnandola verso il raggiungimento del più alto livello possibile di salute, definibile come “uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale” e non semplicemente “assenza di malattia o infermità”. Nel futuro che verrà, la rinascita della Coscienza Politica è necessaria per sviluppare una strategia di crescita robusta e reale del Paese.

Oggi Rinunciamo. Domani carichiamoci di Responsabilità. Sempre per il Bene.

foto dongguan

Vision Engineering Italy Vince il Primo Premio in Cina

Siamo orgogliosi di aver ricevuto il primo premio alla Competizione “SongShan Lake Cup” tra Startup ed Imprese Innovative che si è svolta a Dongguan il 25 Novembre 2019.

La competizione è organizzata annualmente dal distretto tecnologico di “Songshan Lake National Hi-tech Industrial Development Zone”, uno fra i più grandi della Cina, per incentivare le imprese più innovative a presentare i progetti per un loro sviluppo ed accellerazione in Cina.

logo BSSEC & VisioEng

Vision Engineering Italy tra le migliori startup della China-Italy Best Startup Competition

Vision Engineering Italy srl parteciperà alla semifinale del China-Italy Best Startup Showcase-Entrepreneurship Competition (BSSEC) nel settore “Salute e Scienze della Vita”.

Il BSSEC è un programma di promozione nel mercato cinese di startup coordinato dall’International Technology Transfer Network e da Città della Scienza.

Giuseppe e Marco Lombardo presenteranno il progetto Chromo4Vis per lo sviluppo del primo dispositivo medico-chirurgico di teranostica in Oftalmologia. Chromo4Vis è un dispositivo intelligente per la cura personalizzata del cheratocono, una patologia oculare responsabile del trapianto di cornea nei giovani.

L’evento si terrà Venerdì 11 ottobre alle ore 9.30 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università La Sapienza Università di Roma in Via Caserta n.6.

Vi aspettiamo!

cover-bio-779x1024

Pubblicati i primi risultati sull’innovativo dispositivo medico di teranostica

Pubblicati i primi risultati sull’innovativo dispositivo medico di teranostica per il cross linking corneale personalizzato del cheratocono. Per l’importanza, l’articolo scientifico ha ricevuto la copertina della prestigiosa rivista Journal of Biophotonics.
E’ stato dimostrato in laboratorio come il dispositivo determini l’efficacia del trattamento di cross linking monitorando in tempo reale la concentrazione di riboflavina nella cornea.
Vision Engineering Italy è azienda leader nel trattamento dei disturbi della cornea con soluzioni innovative.

POR-FESR-Chromo4Vis-1024x559[1]

Chromo4Vis è co-finanziato con i fondi europei POR FESR Lazio 2014-2020

Il Programma Operativo Regionale Fondo Europeo Sviluppo Regionale, detto sinteticamente POR-FESR, è lo strumento attraverso cui la Regione del Lazio, grazie ai circa 14 milioni di euro messi a disposizione dall’Unione Europea e dalla Regione stessa, ha come scopo lo sviluppo delle filiere ed il rafforzamento della competitività del tessuto produttivo laziale, favorendo l’applicazione delle tecnologie abilitanti (Key Enabling Technologies – KETs)  in tutte le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, tra cui le Scienze della Vita.

Vision Engineering Italy srl è una delle imprese selezionate dalla Regione Lazio per questo programma di crescita.

Il finanziamento POR FESR Lazio permetterà a Vision Engineering Italy srl di industrializzare Chromo4Vis, il primo dispositivo di teranostica al mondo per la cura del cheratocono.

MarcoGiuseppeLombardo_Vetuvir-1024x820[1]

Comunicato Stampa Vetuvir

Il 13 Aprile alle ore 11.00, presso la sede della PMI innovativa Vision Engineering Italy, avrà inizio lo studio clinico su VETUVIR, una nuova terapia in oftalmologia veterinaria.

L’EVENTO

Il prossimo 13 Aprile presso la sala meeting di Vision Engineering Italy in Via Livenza 3 a Roma, avrà luogo il kick off meeting dello studio clinico “Valutazione dell’efficacia della terapia fotochimica corneale con riboflavina e UV-A nel trattamento delle ulcere corneali settiche”.

Scopo dello studio sarà valutare l’efficacia del dispositivo VETUVIR, inventato e prodotto da Vision Engineering Italy, per il trattamento delle patologie corneali degli animali da compagnia (cani e gatti) e dei cavalli.

«L’evento sarà l’occasione per far incontrare gli investigatori principali dello studio clinico, provenienti dalle Università di Perugia e di Università di Camerino ed il personale di Vision Engineering Italy in un momento di condivisione delle proprie esperienze professionali» afferma il Dr. Marco Lombardo, fondatore di Vision Engineering Italy.

«Abbiamo iniziato questo progetto più di 2 anni fa per risolvere le problematiche che i medici oculisti veterinari ci avevano esposto» – proseguono il Dr. Marco e suo fratello Ing. Giuseppe, co-fondatore della PMI Innovativa – «Dopo aver osservato sul campo l’efficacia della nostra fototerapia della cornea per curare le ulcere corneali infettive, abbiamo creato un Team di Esperti e lavorato con loro al disegno dello studio per 4 mesi. Adesso siamo felicissimi di iniziare questo studio che rappresenterà una Pietra Miliare della ricerca clinica e scientifica in medicina veterinaria nel mondo».

IL PROMOTORE DELLO STUDIO

Vision Engineering Italy srl è un’impresa fondata nel 2014 dai fratelli Marco e Giuseppe Lombardo. Marco è medico-chirurgo oculista e Giuseppe è ingegnere biomedico. Vision Engineering Italy ha lo status di PMI innovativa ed è nota per aver vinto più premi per l’innovazione per il progetto Chromo4Vis per la cura del cheratocono.

Front Cover: Assessment of trans-scleral iontophoresis delivery

Nuova terapia per prevenire la degenerazione maculare

Vision Engineering Italy ha ultimato lo studio pre-clinico di validazione di una nuova terapia per la prevenzione della degenerazione maculare legata all’età. La degenerazione maculare è la principale causa di perdita della vista in età senile.

La nuova terapia, che non richiede iniezioni ed è priva di complicanze, dura 4 minuti, potrà essere eseguita dal medico oculista nel proprio ambulatorio e consiste nella somministrazione intraoculare di luteina con la iontoforesi sclerale.

Vision Engineering Italy ha condotto lo studio con Kemin Pharma, azienda leader al mondo per la produzione di luteina in oftalmologia.
Data la straordinaria importanza dei risultati, lo studio ha meritato la pubblicazione sulla copertina della prestigiosa rivista scientifica Journal of Biophotonics.

lo-siclop-2[1]

VETUVIR conquista l’Europa, siglato accordo distribuzione con SICLOP

Vision Engineering Italy è lieta di annunciare di aver siglato un accordo per la distribuzione di VETUVIR nei maggiori paesi della Comunità Europea con SICLOP, azienda leader di prodotti e articoli veterinari.

L’accordo consentirà ai medici veterinari in Europa di disporre di quanto più innovativo esista per la cura delle patologie corneali di origine infettiva negli animali di piccola e grossa taglia.

Informazioni su VETUVIR

VETUVIR è un dispositivo medico portatile, ad esclusivo uso in medicina veterinaria, indicato per il trattamento delle cheratiti infettive e delle ulcere corneali settiche. Queste affezioni richiedono una diagnosi precoce e la messa in atto di terapie tempestive ed adeguate per prevenire complicazioni gravi. L’assenza di terapie efficaci è purtroppo una delle principali problematiche causa di perdita della.

VETUVIR è una lampada UV-A che illumina la cornea affetta dopo che sia stata adeguatamente imbibita con una soluzione a base di riboflavina. La procedura dà vita ad un intenso processo chimico-fisico battericida, denominato KEFOXID, e ha durata di pochi minuti.

news6-1024x965[1]

Vision Engineering Italy vince la selezione a Startup On Stage di Lazio Innova

Vision Engineering Italy ha vinto la selezione per partecipare a “Startup On Stage”, il bootcamp per le start-up del settore Life Science organizzato da Regione Lazio, Lazio Innova e Assobiotec – Associazione Italiana per lo sviluppo delle biotecnologie – in collaborazione con Intesa San Paolo e Italia Camp.

Il bootcamp farà parte della VII edizione del meeting su bioeconomia e nuove tecnologie “IFIB 2017 – Italian Forum on Industrial Biotechnology and Bioeconomy” che si svolgerà a Roma dal 4 al 6 ottobre 2017 (https://www.b2match.eu/ifib2017).